Tacchi: croce e delizia


Stella McCartney

Non so voi ragazze, ma per me portare i tacchi è una tortura!
Mi fermerei ore davanti alle vetrine per ammirarle, ma quando è ora di metterli penso già a quando verrà il momento di toglierli. Diciamocela tutta: i tacchi rendono la silhouette più aggraziata e sono in grado di stravolgere in meglio un outfit, ma se abbiamo male e camminiamo come delle papere finiamo col fare una figuraccia!
Ma come si fa a camminare bene sui tacchi?
Le regole che seguono servono per simulare la camminata disinvolta da modella, alcuni consigli non sono propriamente indicati per il benessere dalla schiena, quindi non abusate!
Innanzitutto solo i fianchi si devono muovere, mentre il busto deve rimanere sempre dritto.
In questo modo  quando si fa il  passo in avanti, il fianco della gamba tenderà a curvarsi verso l’esterno. Le braccia devono essere rilassate e il movimento morbido. 
Le spalle devono essere dritte, testa indietro e mento in alto in stile camminata con i libri sulla testa, per intenderci. Questo aiuterà ad acquistare equilibrio e sicurezza nella camminata.
Quando mettete  il passo in avanti scaricate il peso sulla punta dei piedi e non sul tacco.
Facile no?! Una passeggiata... ;-)

Mink
Se non avete mai portato i tacchi alti e avete deciso di farlo adesso, iniziate in modo graduale: meglio iniziare da  un tacco basso, intorno ai 5 cm.
Prima di indossarle per un’uscita o peggio ancora per un’occasione importante come ad esempio un matrimonio, esercitatevi in casa. In questo modo capirete anche se sono scomode in determinati punti e avrete il tempo di rimediare ad esempio facendole allargare da un calzolaio o mettendo una soletta se sono larghe.
Se siete giunte allo step successivo e vi sentite pronte per l’acquisto di un tacco più alto, iniziate da una calzatura comoda come uno stivale o un tronchetto, meglio se con plateau. Meglio puntare su un tacco non eccessivamente sottile, ma di media dimensione per offrire un supporto più adeguato.
Non portate tacchi alti più di sette centimetri per un lungo periodo di tempo, la misura ideale è sui cinque centimetri. Si lo so, un tacco 12 è impareggiabile, difficile cedere ad un’altezza inferiore!

Beyond Skin

Acquistate sempre la misura giusta, anche se il vostro non è un piedino da Cenerentola. Evitate di soffrire pur di apparire! Bisognerebbe evitare i sandali con il tacco a spillo e cinturini molto stretti per evitare col tempo di avere problemi di mal di schiena. Sono fantastici lo so, ma non esageriamo!
Privilegiamo modelli con zeppa perché dando più sostegno al piede, arrecano meno danni alla schiena. Se proprio non volete mai rinunciare ai tacchi, almeno di giorno potreste optare per questo modello che è anche più adatto al momento della giornata.
Tutte le sere facciamo sgonfiare i piedi con un pediluvio freddo per finire la giornata in bellezza.
Questi sono gli accorgimenti-base, ricordiamoci che con una scarpa di buona qualità siamo già a metà: come abbiamo visto più volte acquistare scarpe vegan belle e di qualità è possibile!



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ti potrebbe interessare anche...

Elenco brand Vegan

Commenti

  1. mi permetto di segnalare un designer a "impatto zero".. http://www.lucamiandro.it/

    RispondiElimina
  2. Veramente le scarpe in finta pelle è possibile farle allargare da un calzolaio? Il mio lo sconsiglia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende dalla scarpa in realtà, mi è capitato di farlo e non si sono rovinate..poi certo dipende quanto devi allargarle..se si tratta solo di ammorbidirle un pò solitamente non ci sono problemi

      Elimina

Posta un commento