#KEEPTHEBAN




Un hashtag, una t-shirt, il popolo animalista (e non) e un rappresentante d’eccellenza, Brian May: tutti insieme contro la caccia alla volpe
Dieci anni fa questa tremenda pratica ha subìto grosse restrizioni  ed oggi in Gran Bretagna si lotta per mantenerle. La vera e storica caccia alla volpe è sempre stata lo "sport" regale dei ricchi, ma una delle motivazioni date per reintrodurre le vecchie regole della caccia è il malcontento degli allevatori e la perdita dei profitti a seguito delle restrizioni di questa legge.
In questo modo se la nuova legge dovesse passare i contadini e gli allevatori sarebbero così nuovamente liberi di difendere i loro bestiami con l’ausilio di più cani (ora il divieto ne prevede al massimo due), in sostanza fino ad oggi possono sparare alle volpi se sono sul loro territorio, ma non possono inseguirle con più di due cani, in questo caso sarebbe reato. Con la precedente legge si poteva arrivare fino a 40 cani, immaginate le povere volpi, decisamente senza scampo.
E in tutto ciò non dobbiamo dimenticare lo sfruttamento dei cani allevati per uccidere le volpi.
Insomma il NO è d’obbligo!

Per ora, il voto previsto per la scorsa settimana è slittato grazie al no di  un notevole numero di deputati scozzesi, intanto noi possiamo continuare a firmare le petizioni on line. Per gli aggiornamenti visitate il sito Keep The Ban, oppure visitate la pagina Facebook keeptheban, condividete mi raccomando e se volete anche voi acquistare la t-shirt che indosso oggi andate QUI sul sito di Ethical Wares.

 








Commenti

  1. Ciao cara grazie per le informazioni! Ti abbraccio Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te cara. un abbraccio. Stefy

      Elimina

Posta un commento